Coronavirus, per i Paesi africani la carenza di cibo potrebbe essere peggio della pandemia

L'allarme della Fao. Milioni di persone, soprattutto nell'Africa subsahariana, potrebbero patire le interruzioni lungo le catene di approvviggionamento alimentare

Per i Paesi poveri, che dipendono fortemente dalle importazioni alimentari, "le conseguenze economiche del coronavirus potrebbero essere più gravi di quelle sanitarie legate alla pandemia stessa". Ad affermarlo è l'Onu sulla scorta di previsioni elaborate dalle sue due agenzie, la Fao (che si occupa di alimentazione e agricoltura) e il Pam, il Programma alimentare mondiale.   

Il doppio shock

"Solitamente, ci ritroviamo di fronte a uno shock dell'offerta a causa di una siccità o a uno shock della domanda per via di una recessione, ma qui i due tipi di problemi si stanno presentando allo stesso tempo e a livello mondiale. Questo è ciò che lo rende veramente inedito”, dice Arif Hussain, economista del Pam. Le misure restrittive imposte soprattutto dai Paesi più ricchi per via dell'emergenza sanitaria stanno mettendo a rischio non solo l'approvvigionamento alimentare laddove c'è scarsità di produzione autoctona, ma anche l'export di quelle economie agricole che proprio dalla vendita dei prodotti all'estero ricavano il grosso del reddito nazionale.  

Dal punto di vista dell'offerta, gli esperti del Pam segnalano che 2,8 miliardi di persone nel mondo, tra cui 212 milioni in situazione d’insicurezza alimentare e 95 milioni in situazione d’insicurezza alimentare grave, si nutriscono ogni anno grazie alle importazioni di riso, soia, mais e grano. 

I Paesi più a rischio

L’Africa subsahariana è la regione più colpita del globo. Qui, solo nel 2018, sono stati importati più di 40 milioni di tonnellate di cereali. La Somalia e il Sudan sono particolarmente a rischio mentre l’Angola, il Nigeria e il Ciad sono dipendenti delle loro esportazioni per poter pagare le importazioni degli alimenti. 

Anche l’Iraq, l’Iran, lo Yemen e la Siria potrebbero essere vittime di questa penuria. “Se i mercati mondiali dei cereali di base sono ben forniti e i prezzi sono generalmente bassi, i prodotti alimentari devono viaggiare dai granai del mondo ai loro luoghi di consumo. Le misure di contenimento in atto per combattere il Covid-19 stanno iniziando a porre problemi al riguardo”, dice sempre il Pam.

Attualmente i porti di esportazione sono perturbati dai movimenti sociali in Argentina e in Brasile. Secondo la Fao, i prezzi degli alimenti di base (olio, cerali, carne e prodotti lattiero-caseari) sono diminuiti a causa della depressione economica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo il divieto del consumo la Cina vuole eliminare del tutto il commercio di animali selvatici

  • Chiudono i mattatoi: milioni di animali abbattuti per soffocamento, annegamento o con armi da fuoco

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • “Pagare gli agricoltori per proteggere l’ambiente”, la proposta dei giovani di Fridays for Future

  • Il Climate Change sta mettendo le api in pericolo, e la produzione di miele crolla fino all'80%

  • Oltre la metà degli squali e delle razze del Mediterraneo sono a rischio estinzione

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento