Fao: insicurezza alimentare per 100 milioni di persone in Europa e Asia centrale

La fame nelle due regioni è bassa ma ci sono ancora molti problemi dovuti da una parte alla scarsità di cibo e di accesso a quello nutriente e dall'altra a sovrappeso e obesità

La fame in Europa e in Asia centrale è bassa ma un elevato numero di persone è colpito da moderata insicurezza alimentare, dovuta alla scarsità di cibo e di accesso ad alimenti nutrienti, nonché a sovrappeso e obesità.

Il report

A rivelarlo il nuovo rapporto della Fao 'Rassegna regionale sulla sicurezza alimentare e la nutrizione in Europa e in Asia centrale 2019'. Il report fornisce raccomandazioni specifiche per i responsabili politici per interventi mirati su nutrizione, disuguaglianze e sviluppo rurale, e per il raggiungimento degli obiettivi globali dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. In Europa e in Asia Centrale la situazione è migliorata notevolmente negli ultimi 20 anni e gran parte dei circa 50 Paesi monitorati è riuscita a mantenere la prevalenza della sottoalimentazione al di sotto del 5%, meno della metà della media mondiale (10,8%). Le nuove stime per il 2018 suggeriscono che un grave livello di penuria alimentare non è più preoccupante (1,8% della popolazione totale, contro il 9,2% a livello globale). Tuttavia, porzioni consistenti della popolazione hanno difficoltà ad accedere regolarmente a cibo sufficiente e nutriente. Secondo le stime, oltre 100 milioni di persone (11% della popolazione) nella regione sono esposte a insicurezza alimentare moderata o grave, un indicatore, sviluppato dalla Fao sulla base della Scala di esperienza d'insicurezza che monitora i progressi verso il raggiungimento dell'obiettivo Fame Zero.

Malnutrizione diffusa

"Un numero considerevole di adulti e bambini soffre ancora di varie forme di malnutrizione, tra cui rachitismo, deperimento, sovrappeso, obesità, anemia, disturbi che coesistono in molti Paesi", ha detto Cheng Fang, economista della Fao. "In particolare, il sovrappeso e l'obesità implicano notevoli preoccupazioni per la salute", ha aggiunto Fang, riferendosi a un rapporto che rileva che l'obesità negli adulti in quasi tutti i Paesi della regione nel 2016 ha superato la media mondiale del 13,2%, e in 13 Paesi era il doppio della media mondiale.

Donne più colpite

I dati disaggregati per sesso mostrano che le donne in Europa e in Asia centrale hanno maggiori probabilità di essere esposte a insicurezza alimentare moderata o grave rispetto agli uomini (dal 10,7% al 9,8%). Una nota positiva è che la prevalenza del basso peso alla nascita è inferiore alla media globale del 14,6%; tuttavia, di recente è stato registrato un trend all'aumento nella maggior parte dei Paesi.

Disuguaglianze socio-economiche

Come sottolinea il rapporto della Fao, le disuguaglianze socio-economiche rallentano o addirittura ostacolano i progressi nella riduzione della povertà, dell'insicurezza alimentare e della malnutrizione, mettendo a repentaglio il principio dell'Agenda 2030, non lasciare indietro nessuno. La malnutrizione tra i bambini è fortemente influenzata dal livello d'istruzione, dal benessere e dalla posizione geografica delle madri. Ciò suggerisce che interventi mirati all'educazione e alla generazione di reddito per le madri possono migliorare la situazione nutrizionale dei bambini di età inferiore ai cinque anni.

Obesità

L'obesità è un fenomeno in rapida crescita nelle famiglie con profili socio-economici più bassi in base alle condizioni di vita e di lavoro, al reddito e all'istruzione. "Le politiche e altri interventi dovrebbero essere rivolti ai gruppi svantaggiati e vulnerabili per gestire le disuguaglianze socio-economiche", ha detto Vladimir Rakhmanin, vicedirettore generale e rappresentante regionale della Fao.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Una "superfrutta" più sana e sostenibile grazie alle radiazioni: la scoperta made in Italy

  • Coronavirus, lo stop ai voli con Taiwan colpisce gli allevatori italiani

  • Coronavirus, Bellanova chiede all'Ue maggiore tracciabilità degli alimenti

  • Crollo di insetti 'spiaccicati' sulle auto. Ma non è una buona notizia per l'agricoltura

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento